Penny Dreadful su Rai 4 l’horror-gotico inglese con un’affascinante Eva Green

0
Penny Dreadful su Rai 4

Penny Dreadful su Rai 4 dal 7 settembre in prima serata

Penny Dreadful su Rai 4 (canale 21 del digitale terreste, 10 di Tivùsat [e 104 di Sky?]) che dal 7 settembre si rilancia e inaugura una stagione autunnale ricca di serie tv e ricca di appuntamenti inediti. Oltre al già citato Penny Dreadful arriveranno anche Ray Donovan, Secrets & Lies, Dal Tramonto all’alba, oltre alle prime tv in chiaro di Agents of S.H.I.E.L.D. o Once Upon A Time e Game of Thrones. Penny Dreadful su Rai 4 andrà in onda in prima serata il lunedì con un doppio episodio che saranno in replica il venerdì in seconda serata in una versione non censurata. 

Calendario Serie TV in Italia (Settembre)

[adsense]

La prima stagione di Penny Dreadful è composta da 8 intense e sorprendenti puntate, mentre la seconda (già andata in onda negli USA) è composta da 10 episodi e la terza, già ordinata per la prossima estate, ne avrà 9. La serie è trasmessa dal canale cable Showtime, creata da John Logan, autore tra l’altro delle sceneggiature de Il Gladiatore o di Sweeney Todd di Tim Burton, è prodotta tra gli altri da Sam Mendes e è realizzata in collaborazione con Sky.

Il nome Penny Dreadful deriva da delle pubblicazioni horror-gotiche del XIX secolo inglesi e intreccia diversi personaggi della letteratura horror come Frankestein, Dracula, Dorian Grey riuniti in un’oscura Londra vittoriana. La serie presenta un ricco cast guidato da una conturbante e affascinante Eva Green, affiancata da Josh Hartnett, Reeve Carney, Timothy Dalton, Rory Kinnear e Billie Piper.

La ricerca di Mina Murrey, figlia di Sir Malcom (Dalton) e amica di Vanessa Ives (Green), servirà da spunto per raccontare un mondo oscuro fatto di assenzio, sedute spiritiche, demoni e misteriosi personaggi, all’interno del quale si aggirano i personaggi della letteratura vittoriana, in un’epoca in bilico tra passato e presente, tra modernità e tradizione.

Penny Dreadful non è sicuramente un prodotto da “grande pubblico”, la serie che attira masse di spettatori, ma un piccolo gioiello per appassionati, un mondo affascinante e fascinoso che vive di sguardi, di emozioni, che si culla nella sua stessa lentezza, scossa ogni tanto da scene inattese o apparizioni spaventose. Una serie tv che si poggia sulle solide spalle e sulla bellezza deformata di Eva Green, che offre una prestazione monumentale, ingiustamente ignorata dai grandi premi tv americani.

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it