Premium Cinema festeggia gli 80 anni di Alain Delon

0
alain delon

Un mese dedicato a Alain Delon su Premium Cinema

Alain Delon compie 80 anni, domenica 8 novembre e Mediaset ha deciso di celebrare il compleanno dell’attore francese con 8 film trasmessi in 4 prime e seconde serate i mercoledì di novembre a partire da stasera 4 novembre, in onda su Premium Cinema 2. [adsense]

[ad id=’26026′]

Si parte mercoledì 4 novembre con “Borsalino & Co.” (1974) di Jacques Deray, dove Delon è il malavitoso Rock è in cerca di vendetta dopo la morte dell’amico interpretato da Belmondo. A seguire, in seconda serata va in onda il raro “L’amante pura” (1958) di Pierre Gaspard-Huit, basato sulla pièce teatrale “Liebelei di Arthur Schnitzler, da cui era già stato tratto in precedenza il film “Amanti folli (1932), diretto da Max Ophuls. Romy Schneider interpreta il ruolo che nel film di Ophuls era stato interpretato da sua madre, Magda Schneider. Sul set Delon e Schneider si sono fidanzati.

Mercoledì 11 novembre la serata inizia con il classico “Frank Costello faccia d’angelo” (1967) dal maestro Jean-Pierre Melville. Il killer solitario al quale dà volto Delon è entrato nell’olimpo cinematografico tout court. Il film segna l’inizio della collaborazione tra Jean-Pierre Melville e Alain Delon che sarebbe continuata con “I senza nome” (1970) e “Notte sulla città” (1972), sino alla morte del regista. È forse uno dei punti più elevati del polar (connubio, alla francese, dei generi poliziesco e noir). In effetti, sin dalla frase che appare all’inizio (“Non esiste solitudine più profonda del samurai, se non quella della tigre nella giungla“) e che spiega il titolo originale (Le Samouraï), è evidente l’ispirazione di Melville, da sempre ambasciatore del cinema americano in Francia al modello di “killer esistenziale”.

A seguire, in seconda serata, tocca a “Che gioia vivere” (1961) di René Clement, presentato al 14° Festival di Cannes. Ugo Tognazzi e Gino Cervi nel cast.

Mercoledì 18 novembre è in cartellone “Due contro la città” (1973) di Josè Giovanni, altro maestro di polar. Delon è un ex rapinatore che tenta il reinserimento dopo la prigione grazie a un rieducatore interpretato da Jean Gabin. Un ispettore di polizia che non crede alla conversione dell’ex malvivente lo perseguita fino all’omicidio del poliziotto per legittima difesa. E alla conseguente condanna a morte dell’ex rapinatore, reo di una fama che lo porterà alla ghigliottina. Crudo j’accuse della giustizia cieca e prevenuta. In seconda serata viene proposto “L’uomo che uccideva a sangue freddo” (1973) di Alain Jessua, film anomalo nella filmografia di Delon viste le tinte thriller e horror. Annie Girardot è nel cast.

Mercoledì 25 novembre la rassegna di Premium Cinema 2 si chiude con “Esecutore oltre la legge” (1974) di Georges Lautner, giallo con sfumature rosa con Mireille Darc. In seconda serata si trasmette il rarissimo “Furore di vivere” (1959) di Marcel Aymè, ambientato nella Parigi occupata dai nazisti

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it