Romics ’15: incontro con il doppiatore di Sheldon di The Big Bang Theory

0

Incontro al Romics con la voce italiana di Sheldon Cooper

L’edizione primaverile del Romics si è conclusa con un nuovo record di presenze. In quattro giorni il festival internazionale dedicato al fumetto, all’animazione, ai games, all’entertainment ha registrato le 180.000 presenze.

I motivi per andare a Romics sono tantissimi: si va per comprare il fumetto introvabile, per portare a casa l’action figure o il memorabilia legato al film, alla serie tv, al manga o al fumetto che amiamo.

Si va per giocare negli spazi delle associazioni, per provare le nuove consolle ed i nuovi videogames.

Si va come cosplayer per rendere omaggio al nostro personaggio preferito. Si va per curiosità e voglia di divertirsi o perché, essendo un festival, nel programma c’è l’evento a cui non vogliamo mancare.

Noi di Dituttounpop non potevamo non esserci perché tutto quello che Romics offre è il nostro credo!

Tra le tante cose che abbiamo visto ci siamo fermati alla presentazione del primo episodio dell’ottava stagione della seria super cult per ogni nerd che si rispetti “The Big Bang Theory”.

Prima della presentazione il pubblico ha potuto conoscere Leonardo Graziano, Gabriele Lopez, Alessio Buccolini, voci italiane di Sheldon Cooper, Leonard Hofstadter e Rajesh Koothrappali.

Ne abbiamo approfittato per farci quattro chiacchiere con Leonardo Graziano/Sehldon Cooper.

Romics Leonardo Graziano Sheldon CooperCosa ti piace di Sheldon Cooper?

Mi piace la sua determinazione e la sicurezza nel portare avanti le sue idee. Anche in alcune situazioni in cui rischia di essere (e spesso lo è) impopolare. Mi piace anche la sua ingenuità in alcune battute che lo rende vittima di imbarazzanti doppi sensi.

Quale personaggio ami della serie?

Il mio personaggio preferito è Howard. Adoro il suo carattere solare, la relazione con Bernadette e il suo rapporto sagace con la madre. E mi divertiva molto il suo interagire con le donne nelle prime stagioni. Secondo me è il personaggio che meglio tiene testa alle manie di Sheldon

Quanto vi divertite in sala di doppiaggio?

Ci divertiamo molto perché c’é in primis il rispetto delle figure professionali anche se , come in tutti i lavori, ogni tanto, ci sono alti e bassi. Perché e’ una serie molto difficile! A volte ci confrontiamo sui testi con opinioni diverse per cercare la soluzione migliore in complicati momenti della serie.

PS: Nella foto sono io che in American Horror Story Freak Show style che terrorizzo il povero Leonardo perdonatemi la qualità

Secondogenito e gemelli: questo la dice lunga sul mio carattere. “Ottantologo”, Pop addicted,nel corso degli anni ho collaborato con diverse testate, tra cui L@bel, Progress e Aut. La moda è la mia passione più grande perché è cultura, è visione sociologica della vita e del mondo. La Rete è la mia seconda casa. Sono dieci anni che il mio avatar è Psikiatria80, nome del mio primo blog, ma anche di tutti i miei profili sui tanti social network.