Domenica In e Da Noi a Ruota libera gli ospiti di domenica 16 febbraio

domenica in

Domenica In e Da Noi a Ruota libera gli ospiti di domenica 16 febbraio su Rai 1

Dopo la settimana sanremese con una Domenica In che ha occupato l’intero pomeriggio in diretta da Sanremo, torna il doppio appuntamento della domenica con Domenica In e Da Noi a Ruota Libera domenica 16 febbraio su Rai 1. Ospiti, risate e momenti commoventi con le due signore di Rai 1 Mara Venier e Francesca Fialdini.


Ospiti Domenica In 16 febbraio

La Domenica In di Mara Venier domenica 16 febbraio dalle 14 su Rai 1, ospiterà un’ampia intervista a Bugo che grazie allo scontro con Morgan sta avendo un’improvvisa ondata di notorietà. Bugo si esibirà in studio cantando il brano “Sincero”, presentato al Festival di Sanremo proprio in coppia con Morgan, mentre della parleranno in studio il produttore musicale Simone Bertolotti e i giornalisti Pierluigi Diaco, Giampiero Mughini e Paolo Giordano.

Lo spazio “Sanremo 2020” prosegue con Elettra Lamborghini che porterà il suo brano “Musica – e il resto scompare”, ma anche con Elodie, con il brano “Andromeda”, Levante che canterà “Tikibombom” e Alberto Urso che si esibirà con il suo brano “Il Sole Ad Est”.

In studio, poi, anche le due attrici Gaia Girace e Margherita Mazzucco, protagoniste della fiction di successo di Rai1 “L’Amica Geniale 2”, mentre in finale di puntata interverrà il cast del nuovo film di Fausto Brizzi “La mia banda suona il pop”: Christian De Sica, Massimo Ghini, Angela Finocchiaro e Paolo Rossi interpreteranno il brano che fa da colonna sonora al film, che uscirà nelle sale il 20 febbraio.

Da Noi a Ruota Libera ospiti domenica 16 febbraio

Alle 17:35 la linea passa a Francesca Fialdini che intervisterà Caterina Balivo pronta a raccontarsi con ironia e senza filtri. Inoltre, reduce dal Festival di Sanremo, sarà in studio il cantautore Marco Masini che quest’anno festeggia trent’anni anni di carriera e successi.
E ancora, nel corso del programma l’emozionante monologo sullo “Skianto” d’amore di Filippo Timi.

Infine, la storia della preside di Caivano Eugenia Carfora che con la sua perseveranza toglie gli studenti dalle mani della camorra divenendo così il simbolo della scuola che resiste.