Grey’s Anatomy, dopo il rinnovo il futuro è tutto da scrivere. Parola del capo di ABC

ABC
- Pubblicità -

Upfronts ABC 2021 parla Craig Erwich: Grey’s Anatomy, le comedy, la chiusura di Rebel

A questo punto chiamiamo ABC per quello che realmente è, Disney-” così Jimmy Kimmel durante il tradizionale divertente monologo durante gli Upfronts ABC. Un modo per stemperare l’evento e soprattutto per fare autoironia “mentre tutti erano chiusi in casa siamo comunque riusciti a perdere ratings“.

“Dateci i vostri soldi, noi siamo Disney, troveremo sempre un modo per averli. Dateci i vostri soldi o uccidiamo Baby Yoda” ha scherzato con gli investitori potenziali Kimmel. Intanto però il suo capo Craig Erwich Presidente di ABC Entertainment (solo da pochi mesi) e Hulu Originals era intento a parlare con la stampa delle decisioni presenti e future soprattutto legate ad ABC.

- Pubblicità -

Grey’s Anatomy oltre la stagione 18

Chi l’ha detto che Grey’s Anatomy chiuderà con la stagione 18? Nessuno e da questo sito abbiamo sottolineato come sia probabile un ulteriore rinnovo futuro, aspetto ribadito anche da Erwich “Grey’s Anatomy continua a essere un punto fermo negli ascolti. I fan hanno amato questa stagione, credo che abbiano fatto un lavoro incredibile nel raccontare le storie degli eroi sempre in prima fila contro il Covid.” Per poi chiudere “porteremo avanti Grey’s Anatomy fino a quando possiamo“.

Naturalmente secondo Erwich non c’è stato alcun eccesso di Covid in serie come questa o Station 19, “non solo sono riusciti a tornare rapidamente sul set ma hanno raccontato storie legate a quanto succedeva nel mondo”.

Riguardo alle voci di un possibile nuovo spinoff di Grey’s Anatomy Erwich si è limitato a dire come “dopo 17 anni è un terreno fertile per storie e personaggi quindi siamo sempre aperti su tutte quelle possibilità che possano essere funzionali alla serie e ai fan.” E tornando sulla possibile chiusura sia di Grey’s che di The Goldbergs arrivata alla nona stagione si è limitato a ribadire che c’è un tempo per tutto e che ora sono solo concentrati sul realizzare la stagione migliore.

Gli altri pilot

ABC nonostante le tante cancellazioni da Rebel a American Housewife (leggi qui), ha ordinato soltanto 1 drama (Queens) e 3 comedy (Maggie, Abbott Elementary e The Wonder Years) lasciando però ancora in bilico diversi pilot. Erwich ha spiegato come National Parks scritto tra gli altri da Kevin Costner è in fase di post produzione, mentre Epic l’antologia romantica legata alle favole dai creatori di Once Upon a Time, così come Promised Land (il drama su due famiglie latine) sono ancora in produzione.

Continueremo a valutarli nei prossimi mesi. Abbiamo un processo di sviluppo annuale quindi possiamo concentrarci sull’aspetto creativo più che su quello temporale“. Al momento la parola d’ordine è “stabilità” quella che hanno voluto dare a Home Economics che dopo solo 7 episodi è stata rinnovata e ripartirà in autunno come se fosse una prima stagione.

Riguardo a Triage, il pilot medical drama pronto, costruito su tre piani temporali e che avrebbe avuto reazioni contrastanti alle prime proiezioni, stanno ancora decidendo e sarà valutato in seguito. Riguardo alla decisione di abbandonare il progetto multi-camera con Alec Baldwin e Kelsey Grammer Erwich ha spiegato come “abbiamo scelto di lavorare con alcuni talenti creativi e non includevano Alex e Kelsey. Non sembrava adatto al nostro pubblico alla fine, ma questo senza togliere nulla a quanto hanno realizzato”. Girano voci che il progetto potrebbe essere preso da CBS e probabilmente nelle prossime ore con l’upfront della rete se ne saprà di più.

Le cancellazioni ABC

La cancellazione di Rebel ha fatto parecchio rumore, con Krista Vernoff e Katey Sagal che hanno accusato la rete di non aver dato abbastanza tempo alla serie. Erwich ha risposto “abbiamo dato a Rebel un lancio importante e un buon supporto. Era la nostra priorità in midseason. Ha beneficiato di una certa stabilità di palinsesto. Alla fine però non ha ottenuto il pubblico che ci aspettavamo e quindi abbiamo dovuto prendere questa decisione“.

In generale Erwich ha sottolineato come “non ordinare nuove stagioni non elimina quanto di buono è stato fatto in passato. Sono decisioni di business ma siamo sempre orgogliosi dei nostri show“.

- Pubblicità -