Tv Talk gli ospiti e gli argomenti di sabato 31 ottobre

tvtalk

Tv Talk gli ospiti e gli argomenti di sabato 31 ottobre

Nuovo appuntamento con Tv Talk, sabato 31 ottobre alle 15:00. Alla guida del programma Massimo Bernardini affiancato dalle figure storiche della trasmissione Cinzia Bancone, Silvia Motta (l’esperta di ascolti) e Sebastiano Pucciarelli. Parte della puntata come sempre i Retveet e i dati di ascolto della settimana tv.

Covid e proteste nella tv sono il tema della puntata: qual è il ruolo della tv e come si gestisce questo racconto senza generare ulteriore ansia? Il tema sarà affrontato con Riccardo Bocca, Valentina Petrini e Mario Giordano con cui si parlerà anche di Fuori dal Coro.

Interverrà Giacomo Ferrara per parlare di Suburra e del filone criminale nella fiction. Scuola e studenti saranno al centro della seconda parte. La tv riesce a dar voce a questa generazione in un momento così difficile? E un programma campione di ascolti come “Il Collegio” può aiutare a farlo da un’altra angolazione? Ne discuteranno in studio Edoardo Camurri, Marta Cagnola e Lucia Gravante (governante del Collegio). Con Gabriele Corsi, poi, spazio all’analisi del suo “Deal With It”, mentre Mario Tozzi, conduttore di “Sapiens”, porterà una nuova visione del racconto scientifico e ambientale in televisione. Infine, uno strano fenomeno della tv italiana: gli intellettuali che decidono di partecipare ai reality per provare a rovesciarne i meccanismi. Ma, alla fine, ci riescono davvero?

Frontiere il tema del 31 ottobre

Dopo TvTalk il pomeriggio di Rai 3 prosegue con Frontiere, il magazine settimanale di approfondimento e divulgazione condotto da Franco Di Mare, nella nuova collocazione del sabato, alle 16.45, su Rai3.

Il tema è Italia chiusa per Virus con n’analisi accurata sul malcontento, il senso di smarrimento e la rabbia degli italiani in questa fase dell’emergenza sanitaria. Da Torino a Roma, da Napoli a Milano, i lavoratori più fragili scendono in piazza a protestare, mettendo a rischio l’ordine pubblico. Artisti e operatori dello spettacolo, ristoratori e titolari di palestre, piccoli commercianti e autonomi si sentono costretti a scegliere tra “morire di fame o di morire di virus”. Il racconto di una “grande ingiustizia”, che immola e sacrifica sull’altare della rinuncia soprattutto quelle attività dedicate al tempo libero come il cinema e il teatro. E lo fa in un momento in cui proprio la cultura potrebbe contribuire a far luce nelle menti, alimentando le nostre risorse psicologiche e morali per opporci al virus.

L’approfondimento di Franco Di Mare aprirà una finestra anche sulla situazione in Europa e sugli ultimi tragici accadimenti terroristici in Francia. Partecipano all’indagine giornalisti, esperti e addetti ai lavori come Stefano Vella, Paolo Mieli, Domenico De Masi, Maurizio Molinari, Pupi Avati, Veronica Pivetti, Fabrizio Gifuni, Giuseppe Ippolito, Cristina Bowerman.