Vanity Fair su laF il nuovo adattamento del romanzo di William Makepeace Thackeray

vanity Fair su laF
- Pubblicità -

Vanity Fair su laF dal 26 ottobre

Arriva su laF, canale 135 di Sky, in esclusiva in Italia Vanity Fair l’attesa miniserie in 7 episodi divisi in 4 serate nuovo adattamento del romanzo La Fiera della Vanità di William Makepeace Thackeray. L’affascinante e spregiudicata arrampicatrice sociale Becky Sharp è interpretata da Olivia Cooke.

- Pubblicità -

Dai produttori di Victoria e Poldark (Mammoth Screen), con il coinvolgimento di Julia Stannard, già all’opera con Guerra e Pace, quello che si preannuncia il “costume drama” dell’anno è sceneggiato da Gwyneth Hughes, candidata ai Golden Globe per Five Dayscon la regia di James Strong (Broadchurch), e vanta un cast d’eccezione che unisce giovani star a leggende della tv e del teatro.

Vanity Fair il cast e i personaggi

Accanto a Olivia CookeClaudia Jessie dà il volto all’altra protagonista, l’aristocratica Amelia, caratterialmente l’opposto di Becky, pacata, fedele e arrendevole; Tom Bateman veste i panni del ricco Capitano Rawdon Crawley, mentre Charlie Rowe interpreta George Osborne, promesso sposo di Amelia; il cantautore Johnny Flynn è invece il gentile William Dobbin, segretamente innamorato di Amelia. Tra i “veterani”, Michael Palin  dà il volto a William Makepeace Thackeray narratore in scena del proprio romanzo; Simon Russell Bealeè John Sedley, l’anziano padre di AmeliaMartin Clunes è nelle vesti di Sir Pitt Crawley, il tirchio e rude padre di RawdonFrances de la Tour , interpreta la ricca zia Matilda Crawley, mentre Suranne Jones è Miss Pinkerton, la severa direttrice dell’Istituto per Signorine dove crescono Becky e Amelia.

Girata tra Londra, il Kent e Budapest, la serie si distingue per le sontuose ambientazioni e per gli splendidi costumi, e, dopo la messa in onda a settembre su ITV, viene ora distribuita in oltre 70 Paesi, fra cui Stati Uniti, Australia, Russia, Nuova Zelanda, Canada, Spagna, Svezia, Norvegia.

Vanity Fair – Trama

La Fiera della Vanità”, scritto nel 1847 e ambientato in epoca napoleonica, è un classico senza tempo, modernissimo e anticonformista, messo in particolare risalto in questo atteso nuovo adattamento televisivo, pronto a conquistare la “generazione selfie”, grazie anche alla colonna sonora (fra i brani figura Material Girl di Madonna e White Flag di Bishop Briggs) e all’interpretazione di Olivia Cooke, capace di dare mille sfumature alla personalità complessa, trasgressiva e intrigante di Becky Sharp, arrivista spregiudicata che vuole uscire a tutti i costi dalla povertà e conquistarsi un posto nell’aristocrazia inglese, usando ogni mezzo per arrivare fino alla corte di Re Giorgio IV, spezzando molti cuori e sperperando i suoi beni ovunque vada.

Il romanzo ha conquistato generazioni su generazioni ed è stato oggetto da più di un secolo di decine di adattamenti, cinematografici e televisivi, dal cortometraggio muto del 1911 diretto da Charles Kent alla serie BBC del 1998 della BBC e alle versione cinematografica del 2004 diretto da Mira Nair con protagonista Reese Witherspoon. In Italia fu realizzato nel 1967 uno sceneggiato televisivo di grande successo diretto da Anton Giulio Majano.

 

- Pubblicità -