Andrew Wardle l’uomo senza pene. Real Time racconterà la sua storia!

0

Andrew Wardle l’uomo senza pene

Si chiama Andrew Wardle, è un inglese di Stalybridge, nella contea di Greater Manchester, ha 39 anni e di professione è bodyguard. Questa sera Real Time, alle 23.05, gli dedicherà uno speciale, in cui Andrew potrà raccontarci la sua storia. A quanto pare infatti, Andrew è con una vescica ectopica. 

Ai tabloid il suo nome non è sconosciuto. Intervistato da giornale britannico The Sun, Andrew ha raccontato che, nonostante il suo “problema”, ha comunque successo con le donne: “Sono nato senza pene ma sono stato con oltre 100 donne. Ho avuto molto successo perché riuscivo ad impostare le relazioni non solo sul sesso…..Solo una volta una donna si è arrabbiata e mi ha preso a pugni in faccia”.

[adsense]

Ma come è stata la sua vita?

La madre di Andrew lo ha abbandonato all’età di 17 anni ed è stato adottato da una famiglia di Stalybridge. Inoltre, per cercare un rimedio, ha dovuto subire una quindicina di operazioni, durante le quali, gli è stata ricostruita la vescica risolvendo anche dei problemi ai reni: “Quando andavo a scuola sono stato anche vittima di bullismo. Prima ragazza? A 17 anni. Ho fatto uso di ecstasy e Lsd e ho anche tentato il suicidio. Ho veramente toccato il fondo. Poi finalmente la svolta”. 

A quanto pare infatti Andrew, ha incontrato un medico che gli impianterà un pene prelevando un lembo di pelle dal suo braccio, trapiantandolo e innestandolo nell’area pubica, cercando così di creare l’organo genitale che Andrew non ha mai avuto.

Andrew durante la sua intervista ha infine dichiarato: Ancora non ci posso credere. Finalmente avrò un pene perfettamente funzionante. Potrò iniziare a vivere come una persona normale. Potrò fare molte cose che le persone danno per scontato come il sesso o mettere su famiglia”. 

Classe 1983. Nonostante gli studi prettamente scientifici, Liceo Scientifico prima e Facoltà di Ingegneria dopo, ho continuato a coltivare quelle che sono le mie vere passioni, facendo emergere, tra le altre cose, un lato artistico. Le mie giornate durano in media 19 ore, escludendo le ore di sonno. Appassionato di tv (talent e reality in primis), serie tv e teatro, ho collaborato con diversi blog televisivi: InsideTv, Magazinet e Teleblog, pubblicando il Volume #0 di "UN ANNO CON IL SERIAL CLUB".