The Walking Dead tra il finale di mezza stagione e le anticipazioni sul futuro

0
Ascolti USA

The Walking Dead 6×08: un classico winter finale?

L’articolo contiene spoiler su The Walking Dead 6×08

the walking ded rinnovatoMartedì 1 dicembre. The Walking Dead anche per questo 2015 ha concluso la sua corsa con il midseason finale (o winter finale o fall finale ormai ognuno li chiama come vuole) sia su AMC che su FOX Italia. In attesa del ritorno previsto per il 14 febbraio 2016 (il 15 in Italia sempre su FOX) con la seconda metà di sesta stagione (e con una settima già in cantiere prevista per l’autunno 2016), vediamo insieme qualche anticipazione in particolare sull’atteso arrivo di Negan che sarà interpretato da Jeffrey Dean Morgan. Un arrivo anticipato nella scena trasmessa dopo i titoli di coda che potete vedere di seguito (il video è in italiano dalla pagina di FOX AMC ne ha bloccato il caricamento fuori USA) per chi come me se l’era quasi persa (per fortuna esistono i social che ti aggiornano su questi passaggi):

Un finale di mezza stagione di The Walking Dead che riproduce uno schema già visto: la morte di un personaggio (Deanna in questo caso), la chiusura di un ciclo (Alexandria), l’orda di zombie e l’arrivo di un nuovo super cattivo (la scena sopra). Insomma The Walking Dead si avvia sempre più ad essere un procedurale da cable: una formula consolidata che si ripete pedissequamente senza guizzi e senza innovazioni. Adesso arriva Negan (Jeffrey Dean Morgan): chi ha letto il fumetto parla del peggior cattivo della saga e la scelta dell’attore è ottima. Un modo come un altro per mantenere l’attenzione.

The Walking Dead Spoiler: le considerazioni dello showrunner

Intervistato da deadline e Tvline, lo showrunner della serie Scott Gimple ha parlato della stagione, dei rating in (leggero) calo e del futuro della serie, anticipando tra l’altro che dalla prossima settimana inizieranno i primi tavoli di discussione sulla settima stagione. Gimple ha definito la morte-non morte di Glenn (Steven Yeun) come un “importante momento della cultura pop […] le persone, anche sconosciute, discutevano tra loro […] vedere il loro eroe sopravvivere è stato qualcosa che gli spettatori si sono guadagnati dopo sei anni di The Walking Dead“.

Pur considerando quella scelta il cosiddetto “salto dello squalo” per la serie e una mossa che avrebbe condannato molte altre serie meno incensate dalla critica alla gogna mediatica e alla morte prematura, è innegabile la considerazione fatta da Gimple. Un fenomeno globale, che dovrebbe aiutare i nostri network a comprendere la necessità della contemporaneità (anche usando versioni con soli sottotitoli o messe direttamente on line lasciando poi il doppiaggio con i tempi attuali, ma queste sono considerazioni personali).

The Good Wife Jeffrey Dean MorganParlando del futuro della serie e dell’arrivo di Negan/Jeffrey Dean Morgan, Gimple ha detto come gli sarebbe piaciuto stupire lo spettatore, ma sa bene che oggi è impossibile evitare la diffusione delle notizie. Alla domanda se come nel fumetto Negan ucciderà Glenn, Gimple ha rispostoabbiamo fatto cose prendendole alla lettera dal fumetto e altre molto differenti. Penso sia questo quello che dovrebbero pensare i fan riguardo a Negan“. “Negan sarà un personaggio carismatico e divertente, quasi amichevole” non uno psicopatico come il Governatore “ma semplicemente uccide e questo non lo disturba. […] non è un pazzo ma non puoi ragionare con lui […] conosce perfettamente come funziona il mondo e lui è quello al comando. […] Robert [Kirkman] ha creato uno dei migliori personaggi della cultura pop degli ultimi 20 anni. E volevamo renderlo al meglio.

Vedremo molto di più Daryl Dixon nella seconda metà di sesta stagione.” ha anticipato Gimple “La prossima metà sarà molto diversa nella struttura, nella presenza dei personaggi negli episodi e nel tipo di storie che andremo a raccontare“, il che lascia supporre che gli episodi al risparmio con meno personaggi siano superati.

Riguardo al calo dei rating cui è andata incontro questa prima metà di stagione, giustamente Scott Gimple ha derubricato la questione generalizzando il problema: da quando lo show è iniziato 6 anni fa l’uso del DVR e dello streaming (legale) si è ampliato, le persone soprattutto nella fascia 18-49 anni non guardano più le serie tv come un tempo e questo necessariamente ha ripercussioni sui rating. Fermo restando il fatto che The Walking Dead resta lo show con il rating più alto della tv americana.

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it