Wet Hot American Summer: Netflix ordina un sequel ambientato 10 anni dopo

0
Wet Hot American Summer

Wet Hot American Summer: Ten Years Later sarà il sequel della comedy di Netflix, che avrà 8 episodi e debutterà nel 2017

Netflix ha deciso di continuare Wet Hot American Summer, ordinando un sequel ambientato 10 anni dopo, dal titolo, Wet Hot American Summer: Ten Years Later, la seconda stagione sarà composta da 8 episodi e debutterà nel 2017 su Netflix, in tutti i paesi in cui è disponibile.

Si wet hot american summer su netflixtratta quindi di un vero e proprio sequel di First Day of Camp che è stato rilasciato durante l’estate 2015, che a sua volta era una prequel del film cult del 2001 di David Wain. Dal video che Netflix ha rilasciato per l’annuncio della serie (che trovate sotto), si intuisce che la serie, ambientata quindi 10 anni dopo, prenderà spunto da una scena finale del film originale dove il personaggio di Bradley Cooper, Ben, propone ai suoi amici di incontrarsi tra 10 anni. Netflix ha infatti utilizzanto una parte di quella scena per annunciare l’ordine.

Wain e Michael Showalter torneranno anche in questa stagione come sceneggiatori, Wain sarà anche regista. Non ci sono invece conferme sul cast, ma è molto probabile che la nuova serie includerà gran parte del cast originale (almeno Cooper, Poehler, Banks, Showalter e Orth visto che sono presenti nella scena sotto), composto da: Paul Rudd, Janeane Garofalo, David Hyde Pierce, Christopher Meloni, Michael Ian Black, Elizabeth Banks, Amy Poehler, Bradley Cooper, Zak Orth, Judah Friedlander e Michael Showalter.

Aml Ameen di Sense8 lascia la serie e sarà sostituito da Toby Onwumere

Wet Hot American SummerRestando in casa Netflix, arriva la notizia che l’attore Aml Ameen che in Sense8 ha interpretato Capheus (Van Damme), ha lasciato la serie per divergenze creative con Lana Wachowski creatrice e produttrice della serie. L’attore, che stava girando delle scene in India, sarà sostituito da Toby Onwumere. Capheus è uno degli sense8 che vive a Nairobi dove cerca di guadagnare dei soldi per comprare le medicine per la madre malata di AIDS.

Dire che amo le serie tv è abbastanza scontato visto che sono qui, è una passione che ormai è diventata quotidianità e che si è allargata pian piano, passando da 4-5 serie a circa 80 serie durante l'anno (ma saranno di più). Scrivo per passione, e soprattutto scrivo per dar sfogo alla mia ossessione per gli ascolti e le previsioni di rinnovo delle serie tv, ma questo lo sapete già. Per info: d.allegra@dituttounpop.it