Recensione La Mummia: un mostro ibrido che apre il Dark Universe

Recensione La Mummia: un mostro ibrido di generi e situazioni che apre il Dark Universe.

Questo (atteso?) La Mummia del 2017 non è un semplice remake/reboot di una storia vecchia quanto l’Antico Egitto, ma un ibrido per molteplici ragioni.


Prima di tutto, è un mix di generi diversi: non si rifà tanto all’horror dell’originale datato 1932 con Boris Karloff quanto piuttosto all’action/adventure del 1999 con Brendan Fraser e Rachel Weitz: ed è proprio a questa coppia che sembra ispirarsi Alex Kurtzman, regista di questo riavvio, per disotterrare questa storia, assieme alla nuova coppia interpretata da Tom Cruise e Annabelle Wallis. I due strizzano continuamente l’occhio all’alchimia fra Fraser e Weitz, sena mai coglierla davvero. Il risultato è un action movie avventuroso, tra antiche leggende e maledizioni, che fa l’occhiolino alla carriera di Cruise, fra cui Mission: Impossible, oppure a saghe come quella di Indiana Jones.

Un frullato non molto convinto, in cui si inserisce il filone di chiara ispirazione marvelliana del Dark Universe: una nuova saga con la quale (ri)presentare i Mostri della Universal, tratti dalla letteratura o dai fumetti: un’idea originale per un franchise che sia “diverso dagli altri”, lo ammettiamo, ma che forse doveva avere più coraggio. Il soldato interpretato da Cruise e la Mummia a cui presta il corpo Sofia Boutella sono solo i primi di un universo coeso e pericoloso, a cui fa da collante fa il gigioneggiante dottor Jekyll, interpretato da Russell Crowe.

Una storia ambientata ai giorni nostri che forse risente troppo dell’era contemporanea e del suo essere molto action e poco horror – pochissime sequenze fanno saltare sulla sedia, ma probabilmente questo non è mai stato l’intento dei produttori. Kurtzman, che universi e maledizioni ha dimostrato di conoscerli bene dai suoi precedenti lavori come Fringe e Sleepy Hollow, sembra preferire tenere il freno a mano tirato, non prendersi rischi o libertà, ma mantenersi su un semplice intrattenimento. Il problema è che se possiamo ritenere questo La Mummia riuscito come primo tassello di una saga e come avventura dal fascino senza tempo dei miti egizi, lo stesso non si può certo dire per la parte da commedia, che risulta troppo marcata e insistita, ottenendo così spesso e volentieri l’effetto opposto.

La Mummia è al cinema dall’8 Giugno 2017 su distribuzione Universal Pictures.