Intervista a Lorenzo D’Amelio:”Il mio non è un film fantascientifico”

0

Lorenzo D’Amelio è un artista a tutto tondo. Musicista e grande amante dell’arte cinematografica, per puro caso ha deciso di scrivere e dirigere un film che in terra campana sta facendo molto parlare di sé. Con il titolo l’Evento, il regista si cimenta in un opera complessa e dalle diverse chiavi di lettura. In attesa che il tutto il cast incontri il pubblico il prossimo 8 maggio al cinema Duel di Caserta, Lorenzo D’Amelio, si concede in una breve intervista.

[ad id=’14913′]

Presentaci il progetto “L’evento”. Com’è nata l’idea di produrre questo film?

Non c’è un motivo preciso che mi ha fatto capire quando e perché girare questo lungometraggio. Sicuramente tutto è nato dalla mia passione per il cinema. Non mi reputo infatti un tuttologo di questa materia, solo un semplice spettatore a cui piace collezionare DVD e BLURay. Quello che mi ha fatto avvicinare all’arte in genere è stato il mio amore per la musica, e proprio questa voglia di mettere nero su bianco i pensieri mi ha fatto capire che potevo sperimentare nuovi orizzonti. Parallelamente alla musica mi sono quindi interessato alla regia (ho incominciato editando video e girando alcuni spot pubblicitari), e mettermi al lavoro su L’Evento ammetto che è stata una sfida per me. La storia in realtà è nata da una canzone, scritta su vari post it che avevo lasciato nel mio studio, e pian piano, giorno dopo giorno  ho capito che potevo realizzare qualcosa di ben diverso da un semplice testo musicale.

L’Evento sembrerebbe essere un film a tema fantascientifico, non è così?

In realtà la penso in maniera diversa. E’ vero che in molti hanno “etichettato” la mia pellicola come un film di fantascienza – forse a causa di quel finale aperto – eppure mi rendo conto di non riuscire io stesso a capire in che categoria potrei catalogare l’Evento. Sta alla libera immaginazione dello spettatore intuire la chiave di lettura, perché il mio giudizio è sicuramente oggettivo. L’Evento è un progetto che può piacere ma può anche deludere, non ho certo diretto un film perfetto, quindi ripeto credo sia allo spettatore stesso capire il substrato del film; può essere un thriller, può essere fantascienza, può essere un film sulla fisica quantistica: L’Evento va assaporato per poter cogliere il vero significato.

10409321_1740006886223842_8620169706221402528_n

[adsense]

Quindi è una sensazione?

Esatto, proprio così. Mi sono accorto che molti spettatori sono usciti dalla sala con questo magone allo stomaco e per i giorni successivi alla visione, sono ancora lì che pensano e fanno teorie sul significato intrinseco del film. Molti amici mi contattano, mi scrivano per illustrami le loro teorie. Credo che questo sia il lato più bello nell’aver realizzato il film, perché vuol dire che ho colpito il cuore e la mente dello spettatore.

L’Evento è un film girato in Terra Campana che sta facendo molto rumore, c’è quindi all’orizzonte un grande distributore?

Questo è un film totalmente indipendente sia per quanto riguarda la realizzazione che la distribuzione.   In questo momento è grazie alle mie forze ed all’aiuto dei cast che L’Evento sta facendo parlare di sé; per quanto riguarda la distribuzione a livello nazione per ora non c’è un vero distributore – perdona il gioco di parole – ma si apre uno spiraglio che fa ben sperare. Ho avuto modo di conoscere una persone che, in ambito cinematografico, è rimasto molto colpito dal mio lavoro e stiamo cercando di portare avanti un’idea. Non stiamo parlando di grandi cifre, ma sicuramente potrebbe essere una piccola svolta per il film ed una grande vittoria per me.

Ed il pubblico che idea si è fatto dell’Evento?

È difficile parlare di questo argomento dato che in quanto regista il film è valido. Solitamente però tendo a staccarmi dal ruolo che vesto e mi piace sentire il piacere del pubblico. Mi accorgo che quando si accedono le luci in sala alcuni spettatori rimangono come folgorati, e vorrebbero che la pellicola ripartisse di nuovo. Questo mi ha reso felice. Certo ci sono state anche le critiche, com’è giusto che sia, ed anche questo fa “scuola”. Infatti sulla pagina Facebook del film sto mettendo insieme tutti i commenti delle persone che lo hanno visto, come un puzzle di eventi.

Oltre all’Evento hai progetti per il tuo futuro lavorativo?

E’ una cosa che mi sto chiedendo proprio in questi giorni e ne sto parlando con già con alcuni collaboratori del film. Attualmente sto visionando un soggetto molto bello e molte forte, di cui ho in mente chi potrà essere il protagonista, e questo mi rende molto orgoglioso di me stesso. Dopo che per troppo tempo ho nascosto questa passione ed amore per il cinema, sono contento di poter essere all’altezza e di realizzare un qualcosa di interessante.

Carlo e' un giovane ragazzo di Caserta cresciuto a pane libri, cinema e serie tv. Confusionario, autocritico ed affidabile, ha fatto delle sue passioni un lavoro e quest'ultima collaborazione, e' la riprova dell'irrefrenabile voglia di scrivere e parlare di tutto ciò che riguarda la cultura pop moderna. Per comunicati, info e news scrivete a c.lanna@dituttounpop.it