Outlander, la saga di Roland D. Moore è in onda su FOXlife

0
Outlander rinnovato

Outlader è stato il vero fenomeno dell’estate americana ed ora viene trasmesso in pompa magna su FOXlife dal 9 Marzo. Se non conoscete Outlander è meglio che rimediate subito, perchè vi state perdendo la prima serie tv più fedele ad un romanzo da cui è tratta,  senza dimenticare che è scritta in maniera sublime tanto da riuscire a nascondere saggiamente le sue (poche) pecche stilistiche e narrative.

[adsense]

Dunque trasmessa in Americana dallo scorso 9 Agosto anche se il pilot è stato divulgato in rete una settimana prima, Outlander è la nuova hit series del canale Starz, che dopo Spartacus, fatica a trovare il suo degno erede; se Da Vinci’s Demons arranca nel trovare la sua dimensione e Black Sails non si è ancora capito che strada vuole intraprendere, Outlander invece fin dal suo incipit ha degli obbiettivi prefissati che centrano subito il cuore dello spettatore. E’ una serie in costume, un drama storico per l’esattezza, che mixa audacemente sia la tematica romance che il drama fantascientifico. Si, avete letto bene, ma badate non si tratta di spade laser o mostri che provengono da mondi sconosciuti, alla base del racconto c’è un viaggio nel tempo che, nel bene o nel male, sconvolge l’esistenza della giovane protagonista.

Sviluppato da Roland D. Moore, il fautore del successo di Battlestar Galactica e dell’incompreso Caprica, Outlander  si ispira alla notissima saga letteraria di Diana Gabaldon; la scrittrice  a distanza di anni dalla pubblicazione primo romanzo (su cui è basato la prima stagione dello show), continua a narrare  di un sentimento epico che trascende il tempo, arricchendo libro dopo libro, il plot  con trovate ad effetto e dal grande impatto emozionale.

outlander1

La serie della Starz è stata già rinnovata per una seconda stagione, e la prima è composta da 16 episodi, suddivisa in due parti sullo stile di The Walking Dead. Su FOXlife approdano quelli trasmessi la scorsa estate negli States, mentre in America i restanti torneranno in tv dal prossimo 4 Aprile. Tralasciando abili strategie pubblicitarie, Outlander è una serie che funziona in ogni dettaglio; molto fedele al romanzo, seppur con qualche abile divagazione, lo show è brillante, intelligente, caparbio e dal fascino seducente. Convincono le ambientazioni, le musiche e le interpretazioni dei singoli personaggi. La narrazione per quanto sia bizzarra è plausibile con lo sviluppo degli eventi, riuscendo passo dopo passo, a coinvolgere lo spettatore.

La vicenda racconta la vita di Claire Randall (Caitriona Balfe) infermiera durante la seconda guerra mondiale, che intraprende una seconda luna di miele con il marito Frank ( Tobias Menzies) tra le Highlands scozzesi. In un luogo intriso di storia, miti e leggende, Frank accompagnato da Claire, è alle ricerca delle sue origini che si sono perse nella marea del tempo. Un giorno Claire  durante un’escursione a Craig Na Dum,viene misteriosamente catapultata nel 1743. In un mondo a lei sconosciuto, Claire, si troverà a vivere presso Castle Leoch protetta dal clan dei McKenzie (ed in perenne guerra con gli inglesi). Scambiata per una spia, troverà nel sexy ed aitante Jamie Fraser ( Sam Heughanun amico e forse anche un amante perfetto. Senza raccontare spoiler alcuno, possiamo assicurare che Outlader è una perla della serialità americana, una serie dedicata agli amanti della cultura anglosassone e soprattutto a chi si vuole perdere in un racconto che ri-evoca vizi e virtù di un’epoca che fu.