Lo Studio Ghibli si prende una pausa – Il mondo dell’animazione potrebbe restare orfana dello studio creatore de “Il castello errante di Howl”

0

Studio_Ghibli_Wallpaper

Dopo ben 29 anni di onorato servizio uno dei massimi esponenti del mondo dell’animazione potrebbe chiudere i battenti. Dopo le dichiarazioni rilasciate l’anno scorso dal maestro Hayao Miyazaki, il quale annunciava il proprio ritiro dalle scene dopo la distribuzione de “Si alza il vento“, presentato alla Mostra del cinema di Venezia, la sua creazione più importante, lo Studio Ghibli, potrebbe fermare le proprie attività legate alle creazioni dei famosi lungometraggi. A comunicarlo è il general manager Toshio Suzuki, il quale però assicura che rimarrà attiva una piccola sezione della società con il compito di occuparsi dei diritti delle opere prodotte e del merchandising.

Cartel-HAYAO-MIYAZAKI-III

A causa di un misunderstanding dovuto all’errata traduzione del comunicato di Suzuki, si era diffusa in un primo momento la notizia di una chiusura definitiva dello Studio Ghibli. In realtà il comunicato recitava solo la necessità di “fare le pulizie” e “capire come muoversi dopo l’addio di Miyazaki”. La notizia, ormai nell’aria da diverso tempo, potrebbe essere legata alla crisi economica che lo studio starebbe vivendo. Nonostante il “pesante” nome di garanzia, le ultime opere dello  studio non hanno riscosso particolare successo, tant’è che persino in patria le pellicole hanno visto una scarsa affluenza di pubblico nelle sale; basti pensare che l’ultimo film prodotto dallo Studio “Omoide no Marnie“, uscito in Giappone il 19 luglio, ha incassato circa 3, 7 milioni di dollari nei primi due giorni di proiezione, decisamente una cifra inferiore alle aspettative.

In attesa che si decidano le sorti di questo pezzo di storia dell’animazione mondiale non si puù far altro che riguardare i capolavori del passato, come “Ponyo sulla scogliera“, “La città incantata” e il massimo capolavoro “Il castello errante di Howl” (per citarne alcuni ndr.).

Beh, che dire... Amo le Serie tv, il Cinema e il Design... ah, anche mangiare, ma questo è un altro discorso. Scrivevo, scrivo e penso che continuerò comunque a farlo nonostante il tempo tiranno. Sono ovunque, in ogni sezione c'è del mio, come una pianta infestante in pratica. In passato, come molti colleghi presenti su dituttounpop, ho preso parte al progetto editoriale "Un anno con il Serial Club". Membro fondatore della #bandadellapellicola Non siate timidi e per comunicati, eventi, news scrivetemi! l.lemma@dituttounpop.it