Le Parole della settimana sabato 28 novembre ospiti e anticipazioni, il tema di Sapiens

le parole della settimana

Le Parole della settimana sabato 28 novembre ospiti e anticipazioni. A seguire puntata speciale di Sapiens dedicata alle epidemie

Le Parole della settimana continua a raccontare l’Italia e il mondo con Massimo Gramellini attraverso il linguaggio, nuova puntata sabato 28 novembre caratterizzato dal collaudato alternarsi di ospiti noti e non per scoprire, approfondire, comprendere, e spingere a riflessione sui principali fatti della settimana che va a concludersi.

A seguire alle 21:45 la linea passa a Sapiens – Un solo pianeta il programma di approfondimento scientifico di Mario Tozzi che si occuperà di epidemie

Le Parole della settimana anticipazioni del 28 novembre

Appuntamento alle 20:20 su Rai 3 con Le Parole della settimana sabato 28 novembre tra ospiti e presenze fisse come Veronica Pivetti e Roberto Vecchioni. Il “Professore” che con le sue opere ha emozionato milioni di italiani, è il nostro “signore delle parole” giocando con conduttore, ospiti e pubblico attraverso alcuni enigmi. Veronica Pivetti, volto amato dal pubblico televisivo, è invece protagonista di un monologo semiserio dedicato all’attualità. Inoltre lo studioso dell’arte Jacopo Veneziani e Saverio Raimondo faranno le loro incursioni in puntata. In chiusura di puntata Massimo Gramellini con il suo monologo Buonasera dedicato all’attualità.

Ospiti della puntata l’imperdibile, precisa, puntuale e sempre chiara virologa Antonella Viola, poi saranno in trasmissione Donato Carrisi, Nicola Piovani, Peter Gomez, Alberto Angela.

Sapiens a tema epidemia

Sabato 28 novembre la puntata di Sapiens alle 21.45 su Rai3 sarà dedicata alle epidemie come elemento fondante della storia dei sapiens, dai cacciatori raccoglitori, (le popolazioni il cui sistema di alimentazione si basava sulla caccia e sulla raccolta) che godevano di ottima salute, agli agricoltori che, nonostante si ammalassero con maggiore frequenza, diventavano sempre più numerosi, sottomettendo anche con le malattie tutte le altre civiltà. Lo stesso Impero romano è probabilmente crollato anche per il concorso delle pandemie di allora, così come i conquistadores hanno soppiantato gli Amerindi grazie al vaiolo e al raffreddore.

I germi patogeni sono parassiti obbligati che si evolvono insieme con gli altri viventi e, alcuni di essi, dopo millenni di adattamenti biologici, hanno cominciato a convivere con noi traendone e concedendo vantaggi, come ad esempio la microflora intestinale. Con altri non è mai stato raggiunto un equilibrio epidemiologico, come il plasmodio della malaria. Altri ancora, come Sars-Cov-2, sono del tutto nuovi e cercano di replicarsi furiosamente diventando minacce letali. Contro questo i sapiens hanno inventato i vaccini, che sono stati praticati fino dalla notte dei tempi, ma che oggi hanno un contenuto biotecnologico eccezionale. Un confronto tra le grandi pandemie del passato e l’attuale Covid19 sosterrà tutta la puntata, con particolare riferimento alla “seconda ondata” e ai metodi per mitigarne gli effetti.